IL POTERE DEI SOCIAL NETWORK SULLA RICERCA DEL LAVORO

  • Stampa
È ormai evidente come negli ultimi anni sia cambiata la struttura del mercato e del lavoro. Allo stesso tempo è mutato il modo di selezionare il personale, soprattutto da parte di grandi aziende. Mentre in tempi passati ci si basava per lo più sul curriculum e sulla presenza del candidato, oggigiorno questo risulta essere uno step secondario.
 
Sempre più diffusa, in primis, è la pratica di ricerca di informazioni relative ai candidati attraverso l’uso della rete. Si, perché l’immagine online è il nostro primo biglietto da visita! Facebook, Twitter, Linkedin e tutti gli altri social network sono diventati strumenti indispensabili per sbirciare la vita privata e ricavare, così, informazioni preziose per aiutare i selezionatori nella scelta.

Una foto, un video o un commento inappropriato per i canoni dell’azienda e zac! Automaticamente il vostro curriculum diventa carta straccia. Il primo passo che devi compiere, se desideri almeno essere preso in considerazione per un colloquio face to face, è dunque soffermarsi sulle impostazioni relative alla privacy, per evitare che post inappropriati finiscano sotto agli occhi dei responsabili dell’azienda. Evitare di scrivere commenti equivocabili, rimuovere foto o video imbarazzanti e l’appartenenza a gruppi strani sono piccoli accorgimenti che possono decretare la presa in considerazione della vostra candidatura o se riservarsi direttamente un posto nel cestino della spazzatura.


La cura dei social non deve più essere solo un passatempo ma diventare prassi quotidiana di aggiornamento, per rendersi accattivanti agli occhi esterni sotto il profilo professionale. Si può affermare quindi che questi strumenti di valutazione siano diventati il nostro biglietto da visita attraverso i quali mettere in pratica una strategia di personal branding.

Alcuni consigli utili oltre a quelli sopra citati:
·         Non postare nulla che possa nuocere alla nostra immagine professionale o che è meglio tacere al datore di lavoro.
·         Personalizzare il profilo con una foto. Anche la foto andrebbe differenziata a seconda della tipologia del social network, Linkedin ad esempio è considerato uno strumento di condivisione a livello professionale, va da sé che la foto dovrebbe rispecchiare questa caratteristica.
·         Inserire hobby e passioni
·         Trascorrere 5 minuti al giorno per seguire aziende e manager del settore o dei settori in cui si vorrebbe trovare occupazione.
·         Evidenziare conoscenze e competenze (soprattutto su Linkedin).
·         Aggiungere esperienze lavorative passate.

Buona ricerca e buon lavoro!