BREVI DALL'EUROPA

BREVI DALL'EUROPA
Vertice sociale per l'occupazione e la crescita eque: rafforzare la dimensione sociale dell'UE
Il vertice sociale di Göteborg (Svezia) vedrà riuniti i presidenti delle istituzioni dell'UE, i capi di Stato e di governo europei, le parti sociali e gli altri principali interessati per una discussione aperta tra tutti i partecipanti su come promuovere l'occupazione e la crescita eque nell'Unione europea.
In occasione del vertice sociale il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione europea proclameranno congiuntamente il pilastro europeo dei diritti sociali, annunciato per la prima volta dal Presidente Juncker nel discorso sullo stato dell'Unione 2015 e presentato dalla Commissione nell'aprile 2017. Questa proclamazione evidenzia l'impegno comune dei leader dell'UE a difendere e tutelare i 20 principi e diritti sanciti dal pilastro.
Per saperne di più
Fondo di solidarietà dell'UE: 1,2 miliardi all'Italia in seguito ai terremoti
L'Italia ha ricevuto 1,2 miliardi di euro dal Fondo di solidarietà dell'UECerca le traduzioni disponibili del link precedente (FSUE), importo che la Commissione aveva propostoCerca le traduzioni disponibili del link precedente in giugno in seguito ai gravi terremoti che hanno colpito il paese nel 2016 e nel 2017. Questo importo senza precedenti a titolo del FSUE potrà essere utilizzato per sostenere gli interventi di ricostruzione, aiutare a rilanciare l'attività economica e coprire i costi per i servizi di emergenza, gli alloggi temporanei, le operazioni di bonifica e le misure di protezione dei siti del patrimonio culturale. L'importo è accompagnato da ulteriori misure di sostegno dell'UE.
Per saperne di più
Notizie false: l’UE istituisce gruppo di esperti e lancia una consultazione pubblica
La Commissione ha lanciato ieri una consultazione pubblica sulle notizie false e la disinformazione online e istituito un gruppo di esperti ad alto livello che rappresenta il mondo accademico, le piattaforme online, i mezzi d'informazione e le organizzazioni della società civile.
Cittadini, social media, organi di stampa (emittenti, testate giornalistiche, agenzie di stampa, media online e verificatori), ricercatori e autorità pubbliche sono dunque tutti invitati a esprimere il loro parere durante la consultazione pubblica che si svolgerà fino a metà febbraio. La consultazione intende raccogliere pareri sulle azioni che l'UE può intraprendere per offrire ai cittadini strumenti efficaci per individuare informazioni affidabili e verificate e adattarsi alle sfide dell'era digitale.
Per saperne di più


















Futuro dell'Europa: uno spazio europeo dell'istruzione entro il 2025
Con il dibattito sul futuro dell'Europa in corso, la Commissione europea ha definito il suo piano su come creare uno spazio europeo dell'istruzione entro il 2025.
La responsabilità principale in materia di istruzione e cultura spetta agli Stati membri, a livello nazionale, regionale e locale. Nel corso degli anni l'Unione europea ha tuttavia svolto un ruolo complementare importante, soprattutto per quanto riguarda le attività transfrontaliere. Nel 2010 l'Unione europea si è prefissata due obiettivi in materia di istruzione nell'ambito della strategia Europa 2020 progressi concreti. L'abbandono scolastico è passato dal 13,9% del 2010 al 10,7% del 2016; l'obiettivo è raggiungere il 10% entro il 2020. Il tasso di istruzione terziaria è passato dal 34% del 2010 al 39,1% del 2016; l'obiettivo è raggiungere il 40% entro il 2020.
La Commissione ritiene che sia giunto il momento di sviluppare queste basi ed essere molto più ambiziosi.
Per guidare questa riforma e stimolare il dibattito in un contesto in cui l'Europa guarda al suo futuro, nel discorso sullo stato dell'Unione del 13 settembre 2017 il Presidente Juncker ha proposto una tabella di marcia per un'Unione più unita, più forte e più democraticaCerca le traduzioni disponibili del link precedente.
Per saperne di più
Nuova relazione sull'educazione civica in Europa
La relazione pubblicata oggi dalla rete EurydiceCerca le traduzioni disponibili del link precedente della Commissione europea offre un quadro esaustivo dell'educazione civica nelle scuole di tutta Europa. Analizza 42 sistemi di istruzione, compresi quelli dei 28 Stati membri dell'UE, e conferma che l'educazione civica rientra nel programma nazionale di istruzione generale di tutti i paesi e che va ben al di là dell'insegnamento della struttura costituzionale del paese.
Per saperne di più
IN EVIDENZA
"A model to dream" contro cyberbullismo e odio in rete, tappa a Milano il 5 dicembre
“A model to dream” è un progetto dell'Agenzia Nazionale per i Giovani volto a per promuovere esempi positivi da seguire per le nuove generazioni, modelli di comportamento cui ispirarsi, di fatto uomini e donne che hanno costruito la propria vita, credendo nelle proprie possibilità e realizzando la propria identità. L'appuntamento di Milano del prossimo 5 dicembre è rivolto a tutti i giovani under 35 provenienti dalle Regioni del Nord Italia (Lombardia, Liguria, Piemonte, Valle d'Aosta, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Trentino-Alto Adige e Veneto) che avranno quindi diritto al rimborso delle spese di viaggio e del pernotto del 4 dicembre. L'agenzia rimborserà l'80% dei costi di viaggio sostenuti, a fronte della documentazione relativa ai titoli di viaggio effettivamente utilizzati. L’Agenzia prevede inoltre un rimborso, sempre all'80% e dietro presentazione delle relative ricevute fiscali, delle spese relative all’alloggio del 4 dicembre per coloro che risiedono al di fuori la provincia di Milano. Le modalità di partecipazione e rimborso saranno comunque comunicate dopo il 20 novembre, termine previsto per la chiusura della call.
Scadenza per la presentazione delle candidature: 30 novembre 2017.
Per saperne di più
Progetto GOALS FOR GOOD
InEuropa, società modenese che si occupa di finanziamenti europei e formazione, propone GOALS FOR GOOD  ed è un percorso formativo motivazionale a carattere internazionale (si svolge contemporaneamente in Italia, Regno Unito e Ungheria) realizzato in collaborazione con l’Università del Surrey (UK) e coordinato da un gruppo di 10 accademici internazionali esperti su tematiche quali benessere, felicità e sostenibilità.
Il progetto prevede 3 workshop di 2 ore ciascuno (i primi 2 a distanza di una settimana, il terzo a distanza di un mese dal secondo), che saranno mirati a ri-definire in maniera innovativa cosa significhi felicità e benessere, a individuare e raggiungere mete personali e professionali, definire la propria scala di valori e priorità a garanzia del proprio benessere e della propria soddisfazione personale e professionale.
I corsi si svolgeranno in varie sedi in Italia nel periodo novembre 2017/aprile 2018. Ciascun laboratorio prevede un numero minimo di 15-20 partecipanti.
InEuropa metterà a disposizione i facilitatori e il materiale, in maniera completamente gratuita.
Il progetto è rivolto a giovani lavoratori tra i 18 e i 30 anni di età.
Partecipa
TIROCINIO, STUDIO, LAVORO
Borse "Women Techmakers"
Create in onore di Anita Borg, fondatrice dell’Institute for Women and Technology, e ora rinominate borse "Women Techmakers", le borse offerte da Google sono rivolte a giovani studiose e ricercatrici, al fine di potenziare le loro opportunità di entrare nel campo della tecnologia e delle scienze informatiche.
Requisiti: ragazze  iscritte ad un corso di laurea triennale, magistrale o un dottorato di ricerca nei campi delle scienze informatiche, l’ingegneria informatica e altre materie affini nell’a.a. 2017/18.
Borsa individuale: 7.000 euro.
Scadenza: 11 dicembre 2017
Per saperne di più
JPO Programma ONU per giovani esperti
Il Programma JPO (Esperti Associati e Giovani Funzionari delle Organizzazioni Internazionali) è un'iniziativa di cooperazione tecnica multilaterale finanziata dal Ministero degli Affari Esteri, Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo, che permette a cittadini italiani in possesso di un titolo di laurea e che non abbiano superato i 30 anni di età (33 per i laureati in medicina e chirurgia) di compiere un'esperienza formativa e professionale nelle organizzazioni internazionali per un periodo di due anni.
I profili ricercati sono vari: si va da qualifiche generiche (giurista, economista) a specializzazioni più marcate (esperto in materia di alimentazione, ambiente, economia dello sviluppo, diritti umani).
Requisiti: Essere nati il o dopo il 1 gennaio 1987 (1 gennaio 1984 se laureati in medicina)
Possedere la nazionalità italiana
Avere un’ottima conoscenza della lingua inglese e italiana
Avere ottenuto uno dei seguenti titoli accademici prima della scadenza per la presentazione delle candidature: laurea specialistica/magistrale, laurea magistrale a ciclo unico, laurea/laurea triennale accompagnata da un titolo di Master universitario, Bachelor’s degree accompagnato da un titolo di Master universitari.
Scadenza: Scadenza 15 Dicembre 2017.
Per saperne di più